domenica 4 agosto 2013




"Datemi una maschera e 
vi dirò la verità."

-----------------------

Presentazione:
La mia sviscerata passione per questo scrittore che mi affascina da sempre tendo a considerarla 'altrimentipresente' nella mia vita. 
Mi sono avvicinata a lui da ragazza, quando lessi il suo famosissimo romanzo - Il Ritratto di Dorian Gray - e da allora sono rimasta incantata da questo “signore del linguaggio”, come si è definito lui stesso.
Il suo esprimersi essenziale,  lieve e gentile,  confezionato
elegantemente  nella sua semplicità, l'inconsueta ed acuta perspicacia, sono stati motivi di ammirazione da parte mia. Rimango immancabilmente rapita dai suoi pensieri che invitano alla riflessione, pensieri  che a prima vista possono apparire non-sense ma che in realtà nascondono una notevole arguzia e un'innata capacità di scavare nell'animo umano.
Wilde , vissuto in Inghilterra nell’Età Vittoriana,  è stato prima di tutto giudicato per le sue azioni e non per le sue opere. Indubbiamente  ne è stato inconsapevole artefice lui stesso con i suoi atteggiamenti provocatori, studiati apposta per urtare l'opinione pubblica e con il suo punzecchiare la società puritana inglese di quei tempi attraverso interventi  verbali che spalancavano la verità in maniera dissacrante. Con una certa dose di altero ed ingenuo individualismo creò di se stesso un personaggio di cui parlare e sparlare, sempre e comunque, purchè se ne parlasse.
Per questo motivo Oscar Wilde o veniva amato o veniva mal sopportato,  senza vie di mezzo; sentimenti che vengono suscitati ancora tutt’oggi in chi si avvicina a lui.
Una frase di Oscar, estrapolata da una sua lettera, è molto esplicativa e rappresentativa: 
"Al mondo sembro, di proposito, soltanto un dilettante e un dandy. Non è saggio mostrare al mondo il proprio cuore - e come la serietà dei modi è il travestimento del buffone, la follia nelle sue squisite forme di leggerezza e indifferenza e trascuratezza è il manto dell'uomo saggio."
E' senz'altro un autore da leggere oltre i normali parametri del semplice lettore, eludendo quella superficialità che lui tanto decantava come il male dei mali. 
"Il vizio supremo è la superficialità" scrive e riscrive nel suo De Profundis, opera che amo particolarmente. 
I suoi  pensieri e le sue parole sono da interpretare con mente libera, superando pregiudizi di sorta,  immergendosi idealmente nell'epoca e nei luoghi in cui ha vissuto questo cultore dell'arte e della bellezza; quell'arte e quella bellezza delle quali Oscar ne ha ammirato con diletto le dimensioni più classiche facendone modelli di vita e fondando un non ben specificato movimento estetico.
Dopo l’esperienza distruttiva del carcere e la cocente delusione amorosa che hanno accelerato la sua irreversibile 
agonia a livello interiore, questo artista che un tempo fu la stella della società londinese, corteggiato da tutti i salotti bene, venne emarginato senza alcun riguardo ed abbandonato al suo triste destino in solitudine e in piena indigenza, portandolo a spegnersi troppo presto in un'anonima stanzetta d'albergo nel quartiere latino di Parigi. La sua terribile esperienza come detenuto, condannato ai lavori forzati dopo aver subito tre processi sotto l'accusa di sodomia, è stata deleteria per la sua vena creatrice di commedie indimenticabili che si è dissolta subito dopo. Pur tuttavia, durante la sua detenzione e negli anni a seguire scrisse due capolavori che personalmente ritengo le sue opere più belle e mature, e che rivelano  la parte più profonda del Wilde uomo:



e

La ballata del carcere di Reading → qui il testo integrale

Attualmente sto leggendo i suoi racconti, le sue fiabe e le sue poesie risalenti ai primi tempi della sua carriera ma, Wilde oltre che commediografo di successo è stato anche autore di saggi. Degni di nota, a parer mio

- L'Anima dell'Uomo Sotto il Socialismo
- Il Critico Come Artista
Da grande estimatrice di questo scrittore irlandese ho voluto dedicare lui questo piccolo spazio internet, seppur nei miei limiti.
Buona navigazione. 





Nota:  sezioni e testi verranno ampliati nel tempo

venerdì 2 agosto 2013





----------------------------------------------------------------------



----------------------------------------------------------------------



----------------------------------------------------------------------